sabato 23 agosto 2014

Casa

Terra Mamma,
pace l'ombra del
tuo olivo.
Violetto profumo
carezza delle tue
mani!
Il tuo quadro
mi pensa il...
cuore, trafitto,
l'amore Gesù!

Francesco 16.8.2014
(La tua parola e spezzata e come una poesia, grazie Gesù!)

domenica 23 marzo 2014

Bella!

Cielo blu, un bacio

profumo sul tulipano,

poesia sulla gioia,

colori sull' arcobaleno,

abbraccio un sereno,

rosa sempre bella Mamma.............. 

giovedì 6 marzo 2014

Vogghiu!

Vogghiu un Natali ca nuvena e 'a ciaramedda,
chi nuciddi e 'u giocu da fossetta,
chi mandarini e 'i fica sicchi cu li nuci.
Vogghiu un Natali comu a ddi tempi,
semplici e chjnu di caluri! 

sabato 22 febbraio 2014

A mezza costa. (22 maggio 2008)
Undici anni fa, circa, è passato uno, mentre stavo al lavoro e mi ha chiamato. Ero piegato in due  attento al lavoro, mi sono messo diritto e gli ho detto: - Che vuoi? Lui fa:
      -    “Vieni!”
-    Ma dove?
-    Vedi quella montagna?
-         Si che la vedo!
-         Ecco dobbiamo arrivare a mezza costa, vedi quella macchia più scura? Proprio lì.
-         Ma a fare che?
-         Arrivati lì ti chiederò se vuoi seguirmi ancora.
-         Ma tu sei matto! Ma che senso ha? Io ti devo venire dietro, fare tutta questa strada e poi quando arriviamo lì, mi richiederai se voglio continuare? Tu sei matto! No! Che non ci vengo, da qui io non mi muovo. Poi vedi quanto lavoro ho fare, non posso perderlo tutto questo tempo.
Il giorno dopo si è ripresentato e mi ha detto di nuovo: -“ Allora vieni?
- Noooooo! Non ci vengo!
Il giorno dopo e quello dopo e quello dopo ancora,  sempre presente  e sempre la stessa richiesta. Alla fine stufo di sentirmi chiedere vieni, sono andato.
Abbiamo cominciato a camminare insieme, ma sembrava non arrivassimo mai, adesso stiamo quasi per giungere, intravedo un casolare, esce persino fumo dal camino, credo che qualcuno stia preparando un pasto caldo, ma avremo solamente il tempo di fermarci per un attimo, giusto per mangiare insieme qualcosa, poi mi richiederà di accompagnarlo su fino in cima ed io………
Ed io sono pronto Signore, sono pronto a dirti di si! Continuerò il cammino insieme a te, anche se mi sento stanco, anche se mi sento sporco, anche se sentirò i morsi della fame o quelli del freddo, io Signore sono pronto a dirti di SI!



'a misericordia divina


Tuttu 'nto febbraiu du trent'unu cuminciò
quandu Gesù a Faustina chiamò:
cu 'na mani iazzata binidicia
e cu' l'autra 'u pettu si tinia
e du raggi di lu pettu pattivunu
sangu e acqua di culuri parivunu.
Poi Gesù ci dissi a Faustina:
-"Pitta, pitta 'na bella figurina
e sutta 'i peti ci scrivi stu segnu:
"Gesù: fidi a Tia jò tegnu".
E sta bella figurina chi fa
dopu Pasqua biniditta sarà,
e ricodditi, ricodditi Faustina
chistu è segnu di Misericordia Divina.
E, tu preghila, preghila Faustina
prega la Misericordia Divina.
E si 'ncontri a cu jastima,
Jò già canusciu a so' miseria,
a canusciu già di prima
picchi è fattu di materia,
ma tu prega Faustina,
prega la Misericordia Divina.
E si 'ncontri un malandrinu
già a fini da so' strata:
di piccati un saccu chjnu
e cu' l'anima già 'mbardata,
tu prega, prega Faustina,
prega la Misericordia Divina".
E prigamu tutti quanti
'a Madonna e puru 'i santi
chi sta bella figurina
chi Gesù 'ndi regalò
mi na tinemu sulu esposta
ma, ma prigamu senza sosta.
Chistu voli 'u nostru Diu
ch'eni Santu, Forti, Eternu e Piu.

(Francesco M.)


Amicu veru


‘Ncuntrai a me "cucinu"
‘mbriacheddu di vinu,
‘na mani a nu canceddu
e un ciauru supraffinu
di vomitu facia,
la bucca: di lurdia.
La testa mi firria,
megghiu ‘na malatia
ca stu fattu mi sapia:
lu primu di li pinseri,
poi i fighi ‘a mugghieri,
cca su cosi seri:
di dutturi, d’infimmeri,
cca su cosi seri.
Poi la menti si iaprivu,
un’idea cumparivu:
tralasciari ‘i cumpitenti,
scappari undi parenti.
Tutti quanti ‘ntirissai,
‘mpaci a nuddu jò lassai,
ma ‘a cosa ‘ntilligenti,
e vu dicu sorridenti,
chi ‘nginocchiu jò mi misi:
du Signuri mi fidai.
Mancu i robi fici lisi
chi niscivu dintra ‘i guai.

Grazii a Diu veramenti,
grazii a Diu ‘i tuttu ‘ cori.

Lu ‘ncuntrai novamenti,
nenti vinu e mali odori,
dill’aspettu cchiù pussenti

e ‘nta facci cchiù lucenti.