lunedì 30 maggio 2016

Il profumo                          (22.12.'99)

Il profumo di un bimbo
non nato...
com'è?
sa di latte e cacca
mischiati?
borotalco e fiori
di campo?
di "'ntrasatti" per poco o                            (agitati sobbalzi)
per nulla?
com'è
il profumo d'un figlio
mai nato
che rinasce e rinasce
nel cuore?
sa di etere e sangue
marcito?
di bianche pareti
ammuffite?
sa di certo d'amore
perduto!


(francesco)

sabato 28 maggio 2016

A...ttì!                                    (22.12.1999)

All'improvviso il tuono
che tuono non è,
da lontano lampi e bagliori
che lampi non sono,
e i vetri in frantumi
che...tranciano
le testa del vicini,
e il rosso del sangue
che scorre:
è l'anima guerriera di 
un uomo
che fu.
Tu, imbrattate le mani
da pulsanti
che schiacciati
non hai e
da mille perché
che ti ronzano
intorno...
colpevole!
Anche se le lacrime
ti bagnassero i piedi
c'è sempre un altro
modo!


(francesco)

venerdì 27 maggio 2016

Il cassonetto                                        (scrivere dal 1999)

Con i suoi occhi da cane
bastonato,
sempre lì in mezzo
al prato, senza
animali d'accudire
senza figli da guardare:
ha ammazzato l'ultimo nato
l'ha ammazzato togliendogli
il fiato,
ha ammazzato l'ultimo nato,
il fiato.
Con i suoi occhi da
cane bastonato:
senza pietà,
senza capire,
senza soffrire,
senza figli d'accudire.
Senza figli d'accudire...
Con i suoi occhi
da cane bastonato
una ciocca di capelli lungo
il viso e senza figli
e senza sorriso
e senza il niente
dei vicini,
il niente dei vicini.
Sempre sola in mezzo
al prato, senza sorriso
dei bambini:
senza sorriso dei bambini.
Senza pietà,
senza capire,
senza soffrire,
senza figli d'accudire,
senza il niente dei vicini,
senza il sorriso dei bambini.

(francesco)

giovedì 26 maggio 2016

Sin dove?                                           (scrivere dal 1992)

E' sempre vicino
l'orizzonte dei sogni
basta una folata
di tiepido vento
una carezza di bimbo
uno sguardo
il profumo di un fiore
e riprende a sognare
a volare tra stelle
onfuocate
tra lune massicce
e minuscole meteore
è il destino dei
poeti andare sempre
al di là
fare un passo più
avanti
nell'eterna solitudine.


(francesco)

domenica 22 maggio 2016

Un tempu
Mi mettu a pinsari ogni tantu
quandu me patri si chiamava “Santu”,
quandu cu triddenti zappava la vigna
e tinia ‘a coppula supra la tigna
o quandu scausu pistava ‘a racina
e lu mustu schicciava ‘nta tina.
O quandu da liva era ‘u tempu:
iddu sveltu chi mani ‘a cugghia,
tuttu un peti ‘nto lampu ‘u finia
e mai ogghiu ccattoi ‘a putia.
Mi ricordu puru ogni tantu,
quandu jò sittatu ‘o so cantu,
mi cuntava di mari ‘ntimpesta
o chi usandu sveltu la testa
ci rubava e tedeschi ‘i patati
o… chi soddi erunu sempri cuntati.
Ora lu vaddu…mi pari ‘n’mischinu
(lu me cori di lacrimi è chjnu),
è sittatu misu o’ncantuzzu
li so spaddi, fannu l’inchinu
e di nomi si chiama “Santuzzu”.
(francersco s.m. poeti siciliani del secondo novecento. Editrice T. Bastogi)

sabato 21 maggio 2016

Terra mia (1999)

Sicilia terra mia
tu che sai offrire
caldi e accoglienti
nidi
offrire un posto al nostro
Dio
affinché ci ricostruisca

(francesco)

venerdì 20 maggio 2016

giovedì 19 maggio 2016

Cristiano Cattolico Apostolico Romano     

Si sta come gli
uccelli sui rami.
Se questa è fede?


(francesco 1997)

mercoledì 18 maggio 2016

 Emarginato


Più stringo le mani
più sento le mie
ossa.

(francesco 1992)

martedì 17 maggio 2016

Dedicata all'Europa                                           (scrivere una poesia vecchia)


Lastre di ghiaccio
poltre lo stretto:
armiamoci ancora
di sole di uliveti
di vigne di grano
di fichi e ficodindia                                       (fico d'India)
e difendiamo i nostri
confini
cospargiamo  il Tirreno
coi fiori del mandorlo
e dalle acque i nostri
vati risorgano
e con chili di travolgenti
parole sciolgano il mondo
intero.



(francesco)

domenica 15 maggio 2016

Concordato                                     (scrivere dal 1982)



Irritante medusa
tassa
prima seconda terza
nel liquido solido
che non  trovi
t'arrovelli ti arrabatti
nascondi persino i
sospiri
evadi e non mangi.


(francesco)

giovedì 12 maggio 2016

                                       LO STRONZO DI MARE

(A ricordo della nostra solidarietà nei confronti del popolo Albanese)




La mente di stronzo
che grida
aut aut
fuscello di paglia
s'inzuppa sprofonda
in un nero incessante
da metri ottocento
occhi sbarrati
mille menti annaspanti
i giornali urleranno?
Come un corvo sopra le
carogne
lo stronzo
volerà ancora.


(Francesco)


Una preghiera per un popolo. Non riesco delle parole, ma ricordo poche, poche parole..........

lunedì 9 maggio 2016

RESURREZIONE                                         (Scrivere dal  1978)



Chi guidava la BR?
- Il grande vecchio!
Poi è morto.
Ora guida i Magistrati.
- La sinistra
sta a guardare?


(Francesco)
                                                                                                                                                                                          

martedì 3 maggio 2016

VICOLI                                             (scrivere dal 1973)


Come larve affamate
sui verdi germogli:
proiettili.
Come una ricca fonte:
sangue.
Ci resta
solo rabbia impotente
a bucarci lo stomaco.



(francesco)