giovedì 9 febbraio 2017

Tarlo, piano piano per bruciare  la tua mente. Vasta, una mezza parte, tante e le tue file spazzate e capire e non capire! E un sorriso sempre.......

lunedì 6 febbraio 2017

 PENSIERI
(Marzo 1980  -  Luglio 1982)
A distanza di tempo rovistando tra le mie poesie ritrovo queste tre, dettate da considerazioni fatte sul comportamento dell'uomo, sulle mie esperienze; e credo di poter ancora affermare che gli uomini spesso si smarriscono non appena la scorrevolezza della vita viene interrotta o viene a mancare. Un affare andato a male, una malattia, una lite, un rimbrotto del datore di lavoro e così via, sino a quando il tempo non ne porrà fine. L'uomo sicuro, spavaldo, almeno, nei momenti in cui parla con amici e conoscenti si affievolisce, si rimpicciolisce, si compatisce nelle avversità; piccole o grandi che siano. L'uomo: ciarliero, criticone; l'uomo: sapientone; accetta spesso e volentieri la vita che altri gli impongono. Il mezzo? Uno solo: la parola!


Terme V. 27/07/1982

PENSIERI
E' insito
nell'essere
umano
affondare
al lieve
sospiro d'un
niente
                                                         II
                                                  Avere il lume
                                                  delle lucciole
                                                   fa parte
                                                   d'un gioco
                                                   potente,
                                                   a noi basta
                                                   giocare
                                                   senza capire.

III
Ciò che spesso
accade:
prostituirsi
nella schiavitù
per una lira in più
e stringersi
nella mente
sacrificarsi
per un niente.


(francesco)

Titolo: Dormiveglia?
stampare il mese di ottobre 1984 - Magalini Editrice - Brescia - Rezzato