domenica 22 aprile 2018

A cosa sto pensando? Sto pensando che molti che si dichiarano non cattolici amano usare esclamazioni offensive per noi cattolici e usano spesso prenderci in giro, mi chiedo: - ma tutto questo interesse per noi a che cosa è dovuto?
Spesso traspare dai loro discorsi persino odio, mi chiedo: - quale disturbo arrechiamo? Possiamo essere liberi di pensare e agire secondo coscienza o dobbiamo giustificare anche di credere che abbiamo una coscienza?
(francesco)

venerdì 20 aprile 2018

Voce

Scorre la voce, come un fiume,
dopo un salto, è arriva una diga.
Io aspetto, non  scorre!
Un abbracio e un amaro...
dolce caffè!
(francesco)

lunedì 9 aprile 2018

Riflessioni


14
ott
2010
Ricordo che quando ero un bambino di quattro anni, mio padre chiamò il suo cane Cito perchè così si chiamava uno dei cani (Cito e Jumbo polizzotti) che aveva portato ai due assassini e violentatori di un bambino di otto anni. Violentato e ucciso a colpi di pietra prchè conosceva i suoi carnefici. Se lo portarono via dalla bottega del barbiere per dargli un passaggio a casa, ma lo portarono nel torrente che confina col paese e fecero di lui scempio.
Carnefici, malati dentro che continuarono a commettere delitti dopo aver scontato trent'anni di galera, rimessi dentro e riusciti di nuovo uno di loro due commise altri delitti, smise con la morte.
Non mi permetto di  giudicare questi due uomini, a questo ha già pensato Dio, penso semplicemnte che un delitto così grave va punito con l'ergastolo. Questa è gente che va chiusa e messa nelle condizioni di non delinquere più. Questi fatti di allora non credo che siano arrivati nelle pagine di cronaca nazionale, ma penso che si siano fermati alla cronaca locale. Oggi con la televisione, con internet, un fatto del genere si conosce in pochi secondi in tutto il mondo, riempie di sdegno, d'angoscia una moltitudine di persone, ma cosa provoca nella mente di altri depravati?
Mi chiedo se il martellamento continuo giono dopo giorno di un avvenimento così tragico non provochi desiderio di imitazione? Sento dire che possiamo cambiare canale, ma se su tre emittenti su tre fanno lo stesso programma puoi solo chiudere e andare via. Bene, chi è sano di mente lo fa, ne sono convinto, ma chi non lo è pensa di chiudere il televisore e andare via? Si riempiono la bocca del diritto di cronaca, ma il diritto di scavare nel dolore di una mamma, di un padre che ha perso un figlio, in un evento così tragico chi glielo da? La cosa peggiore è che mentre qualcuno fa notare che potrebbero anche non martellare la gente i registi di queste cosiddette trasmissioni continuano a fare anadare immiggini su immagini, in sostanza non gli importa niente, quello che conta è l'ascolto.
Di ascolto poi ne fanno tanto e allora mi chiedo a che punto di malattia mentale è giunta oggi la società se non è capace di buttare via il telecomando?

(francesco)

martedì 27 marzo 2018

Gesù

lug 28 /'10

Mi manchi.
Mi manca poterti toccare,
anche solo sfiorare.
Mi manca il tuo sorriso,
anche se lo sento nel cuore.
Mi manca la tua gioia,
anche se la sento nell'aria.
Mi manca poterti parlare,
ma soprattutto: saperti ascoltare!


mercoledì 21 marzo 2018

Mt 14, 34-36

34Compiuta la traversata, approdarono a Gennèsaret. 35E la gente del luogo, riconosciuto Gesù, diffuse la notizia in tutta la regione; gli portarono tutti i malati 36e lo pregavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello. E quanti lo toccarono furono guariti.
-----------------------------------------------------------------------------

Una traversata da casa in Chiesa. Tante operazioni negli ospedali, ed ecco arrivo in Chiesa e Credo e chiedo: ho bisogno toccare il Tuo mantello. Tanti malati, anch'io e mi piace la Tua Parola: "malati con la gioia". I pensieri (miei e ricordo) attraverso la mente è un segno e prendi una mano stretta e guardo come gli occhi diritti, i Tui occhi! Un pensiero pregato! Grazie Gesù!
(La mia grammatica, non riesco delle cose, adesso ma  con la firma: francesco).

Messaggio del 25 aprile 2018

Cari figli! Anche oggi vi invito a vivere con Gesù la vostra nuova vita. Che il Risorto vi doni la forza affinché sia...